News

Ostacoli e pregiudizi, spesso inconsapevoli, condizionano le scelte formative delle ragazze e, di conseguenza, il loro inserimento nel mercato del lavoro. È quanto emerge da una ricerca di Mc Kinsey & Company presentata oggi a Roma in occasione dell'iniziativa "La Nuvola Rosa", organizzata per accrescere le competenze scientifiche e sensibilizzare le giovani studentesse italiane sulla necessità di colmare il divario di genere nella scienza, nella tecnologia e nella ricerca. «La figura femminile è ancora, talvolta, legata a stereotipi che non consentono una piena realizzazione professionale. 

Siniscalchi: è una priorità colmare il divario di genere nel campo della tecnologia e della ricerca 
«La necessità di colmare il divario di genere nell'accesso all'istruzione, nel campo della scienza della tecnologia e della ricerca, in questo momento di crisi economica globale, è sicuramente una priorità. Da lì dobbiamo ripartire», ha spiegato Ermenegilda Siniscalchi, capo del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri. La seconda edizione di "Nuvola Rosa" è organizzata da Microsoft Italia con 16 partner del mondo pubblico e privato, con la partecipazione del Dipartimento per le Pari Opportunità, il supporto della Direzione generale per lo studente, del Miur. Nella capitale 630 ragazze dai 17 ai 24 anni frequenteranno 44 corsi gratuiti con oltre cento relatori. «Per cambiare l'Italia occorre accelerare sulla valorizzazione dei talenti, in particolare quelli al femminile e contemporaneamente far leva sul digitale», ha detto Carlo Purassanta, amministratore delegato Microsoft Italia. 

Continua su: Il Sole 24 Ore